+39 333 79 45 026 (09.00 – 13:00/14:00 – 18:00)

4 consigli per scrivere un libro velocemente e senza complicazioni

4 consigli per scrivere un libro

Ti spaventa prenderti l’impegno di scrivere un libro? Non temere, con questi 4 consigli avrai la strada completamente spianata

Dunque hai deciso di scrivere un libro? Forse non lo hai ancora deciso, ma ti piacerebbe farlo. E perché non inizi? Ho capito, ti senti bloccato e spaventato perché sai che scrivere un libro non è affatto un’impresa facile.

Hai così tanti impegni (lavoro, famiglia, ecc…) che non sai proprio dove sbattere la testa per ricavarti un po’ di tempo da dedicare alla tua ambiziosa opera! E poi, diciamoci la verità, sai quando inizi, ma non sai quando finirai e già ti vedi lì a passare notti insonni sul tuo manoscritto…

“Ma chi me lo fa fare!!??”

Scommetto che te lo sei già chiesto molte volte.

Scrivere un libro è facile, se sai come farlo

Non permettere ai tuoi timori di prendere il sopravvento su di te e sul tuo progetto! E’ vero che scrivere un libro richiede impegno, tempo a disposizione e costanza, ma non è certo un’impresa impossibile. E poi, se guardi un po’ il mercato librario degli ultimi anni, ti puoi rendere conto benissimo che ormai chiunque si cimenta, prima o poi, nella scrittura di un libro: proprio cani e porci!

E tu, che sicuramente non sei inferiore a tanti altri scrittori improvvisati, benché più famosi di te (e per motivi che preferisco sorvolare…), faresti certamente una figura ben migliore di tanti di loro. Quindi, fatti e facci il favore: non farti troppi problemi e mettiti al lavoro!

Per darti una mano e spianarti la strada verso il successo, ho deciso di darti questi 4 consigli efficaci per chi come te sta per scrivere un libro, soprattutto se è alla sua prima esperienza sul campo:

  1. Scegli l’argomento del tuo libro;
  2. Prepara tutto il materiale occorrente;
  3. Definisci quando e quanto scrivere ogni giorno;
  4. Scegli con chi pubblicare il tuo libro.

1. Scegli l’argomento del tuo libro

Ti sembrerà un punto di partenza ovvio, ma non è sempre così. Soprattutto se sei alle prime armi, potresti essere facilmente preso dalla voglia e dalla smania di entrare anche tu nel magico mondo della scrittura e degli scrittori. E così potresti prendere la prima mezza idea che ti viene in mente e decidere di scrivere un libro in base ad essa.

Sai poi cosa succederà? Dopo 20 pagine, avrai esaurito le idee e gli argomenti (o come dicono tutti per trovare una scusa comoda: perderai l’ispirazione artistica) e ti bloccherai. Non andrai più avanti nella scrittura e deciderai che il mestiere dello scrittore non faceva per te. Oppure, inizierai a scrivere un altro libro, basato su un’altra mezza idea fallimentare, ti bloccherai a metà strada (se va bene…) e così via.

Quello che devi fare invece, prima di buttarti a pesce nella scrittura vera e propria, è prenderti tutto il tempo che ti serve per scegliere il genere del tuo libro (romanzo rosa, giallo, fantasy, fantascienza, infoprodotto, ecc…) e per stabilire una trama che sia credibile e coinvolgente, una successione degli eventi da cui poi sviluppare tutto il libro.

In questo modo avrai creato un sentiero e avrai una strada da seguire fino al completamento del tuo libro.

2. Prepara tutto il materiale occorrente

Devi preparare tutto quello che ti occorre prima d’iniziare a scrivere. Sembra banale ma non lo è. E se lo farai, riuscirai a risparmiare un sacco di tempo e a completare il libro davvero molto più velocemente.

Quale materiale potrebbe servirti per scrivere un libro? Beh, per prima cosa devi scegliere tra:

  • Scrivere al computer
  • Scrivere su carta

Nel primo caso, devi assicurarti di avere sempre a disposizione un PC con cui scrivere nelle ore della giornata che dedicherai a questo lavoro (vedi il prossimo consiglio). E assicurati anche che nel tuo computer sia installato un valido programma di videoscrittura. Il più famoso di questi è Microsoft Word, ma ce ne sono anche altri di pari valore e totalmente gratuiti, come LibreOffice Writer, che è quello che uso io.

Se invece preferisci scrivere su carta, munisciti in anticipo di un quantitativo adeguato di carta (fogli o quaderni) e penne. Sì, perché se dovessi avere solo una penna a disposizione e si esaurisse l’inchiostro, dovresti perdere tempo per andarne a comprare una nuova e questo ti rallenterebbe. Mentre tu vuoi terminare la tua opera in maniera veloce e senza problemi.

Ma il materiale più importante e che non puoi esimerti dal preparare prima di scrivere è tutto quello che dovrai raccogliere durante il tuo lavoro di ricerca preparatorio. Ci sono alcuni generi di romanzi (ad esempio quello storico) che necessitano di un’accurata ricerca preliminare, prima di poter scrivere un libro che tratti determinati argomenti. Ma la ricerca è necessaria anche per altri libri diversi dai romanzi, come i saggi o gli infoprodotti.

Inoltre, potresti avere bisogno di fare ricerche, indagini o interviste per descrivere in maniera accurata le ambientazioni del tuo libro o i personaggi.

Insomma, non potrai certo metterti a scrivere un libro prima di aver compiuto questo fondamentale e necessario lavoro di ricerca preparatorio!

3. Definisci quando e quanto scrivere ogni giorno

Datti un orario di lavoro! Scrivere un libro è un lavoro a tutti gli effetti. Con la differenza che non hai nessuno a dirti quando e quanto lavorare, perché l’unico responsabile per la creazione della tua opera sei tu. E sarai tu a doverti autodisciplinare, perché se non ci tieni tu alla riuscita di questa impresa, a chi altri potrebbe importare?

Dunque poche storie! Lo so che hai già il tuo orario di lavoro e quando torni a casa preferisci giocare un po’ con tua figlia piccola o metterti in pantofole e spalmarti sul divano a guardare le partite in TV, ma se davvero vuoi scrivere il tuo libro, devi darti da fare, non hai alternativa caro mio.

Non significa che non potrai più dedicare il tuo tempo libero alla famiglia o alle tue passioni. Voglio solo dirti che, all’interno del tuo tempo libero, dovrai stabilire un certo quantitativo di tempo da dedicare alla scrittura del tuo libro. Quanto tempo lo deciderai tu, in base alle tue necessità e ai tuoi impegni extra lavorativi.

Se decidessi di dedicare alla scrittura 20 minuti al giorno, allora, cascasse il mondo, dovrai scrivere per 20 minuti al giorno! E non solo, dovrai anche decidere, per quanto possibile, l’orario esatto. Puoi scrivere dalle 17.15 alle 17.45 ogni giorno? Bene, fallo e non sgarrare!

Questo ti darà le necessarie costanza e disciplina per portare a termine il tuo lavoro. Anche perché se scriverai tutti i giorni con costanza, questo lavoro ti risulterà via via sempre più naturale e facile da compiere.

4. Scegli con chi pubblicare il tuo libro

Questo è l’unico consiglio dei 4 che non sei obbligato a seguire. Potresti infatti scegliere di non pubblicare la tua opera, anche se normalmente, chi scrive un libro poi desidera anche pubblicarlo.

Hai varie alternative a disposizione:

Nella tua scelta, ti consiglio di valutare sempre per bene il rapporto qualità/prezzo del servizio che ti viene offerto e anche le opinioni di chi ha già utilizzato quel servizio, per farti un’idea fondata su ciò che stai per firmare.

Ci sono altri accorgimenti che tu segui quando decidi di scrivere un libro? Dimmelo nei commenti qua sotto.

E se desideri saperne di più su come diventare un vero scrittore, abbiamo preparato per te un corso gratuito che, sono certo, ti sarà estremamente utile.

Ciao e buona scrittura,

Andrea

Diventa uno scrittore di successo in 5 lezioni GRATIS via mail!! Fai tuo il best seller piú scaricato del 2015, semplice, veloce e tremendamente efficace

Chiudi questa finestra
  • Come creare un ebook, quale strumenti usare e la forma giusta da utilizzare per renderlo scorrevole e piacevole alla lettura.
  • Cos’è una Nicchia di Mercato, perchè scrivere partendo dalle tue passioni e conoscenze.
  • Scopri la scrittura persuasiva, il potere delle domande e il potere della scrittura ipnotica
  • Come pubblicizzare e vendere la tua opera, ricavandone guadagni oltre la tua immaginazione.
  • Conoscerai infine un esemplare caso storia, di una persona “normale” che ha deciso di salire a bordo della nostra navicella e che si è visto “travolto” da quello che chiamo “lo tsunami del successo”.